Tag Archive for 'il Giornale'

Noi non siamo così

L’editoriale di Mario Giordano su Il Giornale di Domenica 13 Febbraio va tenuto in cambusa, perchè ogni volta che ci verrà il dubbio che tutto questo non abbia senso, ci ricorderà di come la malafede di certa stampa in livrea sia senza limiti.

Per tutto l’articolo ho pensato che era il solito Giordano, scarso giornalista, mai una tesi degna di un Franco qualsiasi, mai un gioco subdolo di parole, niente di niente, e invece……………….arrivo alla frase sottolineata da me in neretto, e qui lo sproloquio si fa menzogna, questa si, subdola, perchè cari lettori de Il Giornale, da oggi davvero crederete che i reati contestati a Berlusconi a Milano, concussione e prostituzione minorile, siano dovuti agli sms di Sara Tommasi che fanno parte di un’inchiesta di Napoli? Davvero lo crederete? Continue reading ‘Noi non siamo così’

Strani titoli

Titolava l’altro ieri l’edizione online de Il Giornale: Ciancimino indagato per associazione mafiosa, anche Mori per “concorso esterno”.

Se leggessi esclusivamente il quotidiano della famiglia Berlusconi, sarei portato a ritenere che il reato ipotizzato per Massimo Ciancimino sia più grave di quello contestato all’ex generale del Ros Mario Mori.

E a pensare che Ciancimino sia un mafioso e che tutte le sue dichiarazioni e le “carte” che ha portato a conferma delle sue testimonianze, non siano attendibili.

Perchè, inoltre, Il Giornale non ha scritto neanche una riga sulla perizia della polizia scientifica, che ha stabilito che 54 dei 55 documenti prodotti da Ciancimino sono autentici, fate attenzione, autentici non vuol dire che il loro contenuto sia veritiero; quell’unico che non è possibile attribuire con certezza, e sul quale, sempre Il Giornale ha giocato molto, è già stato verbalizzato da Ciancimino come un collage fatto da lui, contenente una parte scritta di suo pugno e una parte dal padre.

Ma il gioco di prestigio del Giornale è un altro: i due in realtà, Mori e Ciancimino sono indagati per lo stesso reato “concorso esterno in associazione mafiosa“, ma tagliando e cucendo il “titolo” del reato, si cerca di attribuire a Ciancimino responsabilità maggiori che a Mori.

La domanda è: PERCHE’?

Questa storia di intrecci, sangue e trattative si fa sempre più complicata.

L’incrocio fra Ciancimino, Mori, Spatuzza, Narracci, si fa sempre più intricato.

Ma tutte le strade portano a Via D’Amelio e ad una verità pericolosa.

Jack segue il filo rosso.

Jack

 

Sallusti ha sempre un posto in prima fila

C’è chi la vede così!!, Io vi riporto questo articolo del 23 Ottobre preso da Il Giornale e scritto da Alessandro Sallusti, senza commenti, è un sogno ad occhi aperti:

Ormai siamo al paradosso della de­mocrazia capovolta. Il potere legislativo, cioè il Parlamento, non ha più l’autono­mia di varare le leggi che meglio crede perché il capo dello Stato interferisce sui lavori di Camera e Senato. Così come la Rai, tv pubblica, contrariamente a quan­­to ha sostenuto l’altra sera Santoro, è con­t­rollata all’ottanta per cento dall’opposi­zione. Siamo sì alla dittatura, ma è quella antiberlusconiana, una zona grigia nella quale operano alleati e con perfetto sin­cronismo opposizioni, pezzi della mag­gioranza (Fini), giornali, tele presentatori, Quiri­nale e ovviamente magistra­ti. Continue reading ‘Sallusti ha sempre un posto in prima fila’

Conflitto di interessi

Qualche giorno fa è successo un nuovo putiferio che ha dato il là a diverse prese di posizione contro la magistratura.

Prima i fatti.

La procura di Napoli indaga sul gruppo Marcegaglia per una storia di smaltimento di rifiuti in Campania.

Dispone, con l’approvazione del Gip, delle intercettazioni telefoniche nell’ambito della suddetta inchiesta, in una di queste, si sente il vicedirettore del Giornale, Nicola Porro, parlare con il portavoce della Marcegaglia, tal Rinaldo Arpisella (è lui l’intercettato), avvisandolo che “i segugi del Giornale si sposteranno da Montecarlo a Mantova”, sede del gruppo.

Il tono? Non lo so, Porro dice scherzoso, non abbiamo motivo di non credergli.

Però ai Pubblci Ministeri non deve essere sembrato scherzoso, tanto che convocano in procura la Marcegaglia, la quale ammette di essersi sentita minacciata da quella telefonata, e fa notare come tutto ciò sia avvenuto all’indomani delle sue critiche al governo.

Aggiunge che, appreso della telefonata intercorsa fra Porro e Arpisella, telefona personalmente a Fedele Confalonieri, per pregarlo di calmare gli animi al Giornale.

L’effetto è che, della minacciata inchiesta del Giornale, non vi è più traccia da nessuna parte. Continue reading ‘Conflitto di interessi’

Marina Berlusconi dà lezioni di libertà a Saviano

Pubblico questo articolo tratto dal Il Giornale del 19 Aprile 2010 ad opera di Luigi Mascheroni, perchè? Perchè il silenzio è d’oro.

Se c’è una cosa insopportabile in Roberto Saviano, al di là dell’atteggiamento da martire moralista di cui nessuno sente il bisogno, è il savianismo. Cioè quel perverso meccanismo ipocritamente corretto per cui il suo libro Gomorra, qualsiasi suo scritto giornalistico, qualsiasi intervento pubblico, addirittura la sua stessa persona – tutto ciò che ha a che fare con il nome «Saviano» insomma – è diventato intoccabile. La sua verità è sacra, e Saviano quindi è tabù. Continue reading ‘Marina Berlusconi dà lezioni di libertà a Saviano’