Tag Archive for 'emergency'

Rosso

Openjack torna al rosso, un rosso acceso, lo fa perché Openjack sta con Emergency, perché il rosso è il colore della passione, della resistenza, della solidarietà.

In questo momento l’ammiraglio Jack, avverte forte il vento di una tempesta, e fermo sul cassero, scruta l’orizzonte e vede nubi cariche addensarsi.

Il rosso è il colore della battaglia, una battaglia che non andrà combattuta con le armi, ma con la forza delle parole, perché Openjack ripudia la “guerra” anche come “strumento” di difesa.

Jack non resterà silenzioso, non toglierà la bandiera della pace dal pennone, ma ne aggiungerà un’altra, perché ricordo sempre a tutti i naviganti, che Openjack Continue reading ‘Rosso’

Emergency

Si è fatto un gran parlare in questi giorni dei tre operatori di Emergency arrestati in Afghanistan, spesso secondo me a sproposito, specialmente da parte delle auorità del governo italiano.

Il mio pensiero lo affido allo stesso Gino Strada, che oggi 15 Aprile 2010 su Repubblica, scrive un bellisssimo editoriale, ne riporto una piccola parte, ma secondo me molto significativa:

Noi curiamo anche i Talebani. Certo, e nel farlo teniamo fede ai principi etici della professione medica, e rispettiamo i trattati e le convenzioni internazionali in materia di assistenza ai feriti. Li curiamo, innanzitutto, per la nostra coscienza morale di esseri umani che si rifiutano di uccidere o di lasciar morire altri esseri umani.
Curiamo i talebani come abbiamo curato e curiamo i mujaheddin, i poliziotti e i soldati afgani, gli sciiti e i sunniti, i bianchi e i neri, i maschi e le femmine.
Curiamo soprattutto i civili afgani, che sono la grande maggioranza delle vittime di quella guerra.
Curiamo chi ha bisogno, e crediamo che chi ha bisogno abbia il diritto ad essere curato.
Crediamo che anche il più crudele dei terroristi abbia diritti umani, quelli che gli appartengono per il solo fatto di essere nato, e che questi diritti vadano rispettati.
Essere curati è un diritto fondamentale, sancito nei più importanti documenti della “cultura sociale”, se si vuole “politica”, dell’ultimo secolo.
E noi di Emergency lo rispettiamo. 

Responsabilità

Se openjack un giorno andrà a sbattere sugli scogli o si insabbierà, la colpa sarà dei suoi ammiragli, e non di chi rema o pensa alle vele, o pulisce il ponte, perchè loro, gli ammiragli, per l’importanza che rivestono, devono sempre avere il controllo della situazione e l’occhio sgombro sull’orizzonte.

Così altresì ogni voltà che openjack arriva in porto o fa una buona manovra per evitare una tempesta, il merito sarà dell’equipaggio, tutto, e non solo degli ammiragli.

Questa è la mia filosofia, la filosofia con la quale mi assumo sempre la responsabilità di quello che vedo all’orizzonte o delle bandiere che devono sventolare dal pennone di openjack.

Continue reading ‘Responsabilità’

Ancora lui

Poche righe, 2 o 3 al massimo, per commentare l’ennesima stupida dichiarazione dell’onorevole Gasparri, relativa all’arresto dei tre operatori di Emergency in Afghanistan:” la linea di emergency costituisce un gravissimo danno per l’Italia“.

La linea, se è a quella che si riferisce Gasparri, di emergency, è sempre stata quella di curare le persone in zone di guerra, senza chiedere da che parte stessero, come dovrebbero sempre fare i medici.

Io mi rifuto di credere che ci sia ancora qualcuno disposto a sentire le scempiaggini di un senatore della Repubblica Italiana, che ha la faccia di uno che non sa leggere neanche lo stradario della propria città.

Jack