Author Archive for jworld

… e alla fine non ti ho chiuso!

A distanza di tre anni esatti dall’ultimo post vero, circa gli ultimi 100 erano spam, mi ero deciso di chiudere la “barca”. Ma prima di far ciò mi sono detto: “faccio un backup e poi lo cancello!”.

Ovviamente non mi andava di fare un backup del sito con tutto quello spam, quindi mi messo pazientemente a fare pulizia……anche se non aveva più senso farlo, visto che lo stavo cancellando.

Però dopo aver svuotato il cestino di wordpress, mi sono messo a rileggere alcuni post….in modo del tutto randomico ……e alla fine HO deciso di NON decidere…

O meglio, x farla breve, ancora non è arrivato il momento di cancellare la storia con-vissuta…..e chissà se si potrà mai cancellare quello che è stato….

Il passato e il presente nessuno lo può più cancellare ….. sul futuro però si può scegliere!

Questa barca avrà ancora un futuro, per gettare uno sguardo sul passato … che tanto mi ha dato!!!

Senza corruzione…RIPARTE IL FUTURO

senza corruzione RIPARTE IL FUTURO

Dichiarzioni di voto … 2

Caro Jack,

dal 1994 al 2013 si sono alternati per 9 anni governi “di berlusconi”, per  7 anni governi di sinistra o centro-sinistra; il resto ripartiti fra due governi tecnici, Dini e Monti, uno all’inizio e l’altro alla fine di questo ventennio.

Si potrebbero dire tante cose e io non sono proprio uno forte in politica … ma da quando è iniziato l’ultimo governo tecnico mi sono chiesto: “chi delegare al parlamento nelle prossime elezioni?”.

Questa è forse una delle elezioni più significative di questi ultimi 20 anni, sono consapevole che il voto di preferenza non risolve ne la governabiltà ne il salto della quaglia, almeno sarebbe stato un segnale per l’elettore … flebile….molto flebile…..ma delle mille proposte di riforma/autoriforma della politica; questa non la potevano lisciare … alla luce soprattutto dei sacrifici richiesti e avvolte con lacrime amare dei parenti dei numerosi suicidi avvenuti in questi ultimi due anni.

Eppure non ci sono riusciti ….. Continue reading ‘Dichiarzioni di voto … 2’

… finalmente !

Ciao Maria …..eccoti finalmente, questi nove mesi sono sembrati molti di più.

Ma non importa, alla fine sei quì e hai riportarto il genere femminile in vantaggio ;o)

un caloroso ben arrivata da Zio Marco

… in alto la bandiera sul pennone!

La frustrazione del posto fisso

La mia interpretazione sulla monotonia del posto fisso di Monti, dopo un primo sentimento di offesa, ha incominciato a farsi largo e vorrei buttare giù poche righe sulla mia breve esperienza lavorativa.

Spesso chi entra nella PA con tutte le buone intenzioni di contribuire al bene comune al 110% della sue capacità, nel tempo viene annichilito da un sistema burocratico che tratta il dipendente pubblico come una peso e non come una risorsa, portandolo ad aspettare l’orario di uscita davanti ai tornelli pronto a scappare con il suo badge in mano ….credetemi una immagine triste.

Mi sono ripromesso che semmai fossi entrato nella PA, mai e poi mai , mi sarei piegato alla logica del “posto fisso” ….cioè portare a casa lo stipendio.

Oggi mi trovo dall’altra parte Continue reading ‘La frustrazione del posto fisso’

Transition Towns

Come promesso ecco una buona notizia.

Domenica guardando la puntata di report, Report Consumatori difettosi mi sono imbattuto nelle Transition Towns; dove persone comuni hanno deciso di contrastare dal basso il modello di sviluppo basato sui consumi e da un’indicatore ormai inadeguato il PIL.

Per saperne di più vi consiglio di partire dalla puntata di report (vedi link sopra) e poi passare al sito italiano di riferimento transitionitalia.wordpress.com per vedere cosa si muove in Italia.

ROB HOPKINS - Padre del movimento Transition Towns

ROB HOPKINS - Padre del movimento Transition Towns