Taglia

E’ arrivato il momento di guardare la luna e nascondere il dito, in questo maledetto porto, hanno appeso la foto di Jack, hanno paura di quello che scrivono gli ammiragli di tutte le barche che navigano in questo splendido mare.

Jack non ha mai avuto paura, ha sempre mostrato il suo volto di pirata, l’ha fatto con chiarezza, citando le fonti, raccontando la verità, non sarà più possibile, la verità non basterà più.

In un mare in cui non basta la verità, è difficile sopravvivere, in un mare pieno di scogli, molti dei quali invisibili fino all’ultimo secondo, è forse impossibile per Openjack non incagliarsi, e nonostante la bravura del suo equipaggio, sarà sempre più difficile fare la manovra giusta, quella che può salvarla.

Sale la rabbia e la voglia di ammainare tutte le bandiere, per lasciarne solo una, quella con il teschio su sfondo nero, quella che sempre e da sempre semina morte nel mare, dove non si fanno prigionieri, dove si vive e si muore senza ragione.

Siccome non ho mai ucciso nessuno e rubato niente a nessuno, non ho mai avuto prigionieri, ma solo compagni di viaggio, ho sempre lottato contro la pena di morte, contro il silenzio, e ho sempre cercato di accogliere quante più persone possibili, Jack scende dalla nostra barca e si rifugia a terra, comincia la sua vita da clandestino del mare.

Openjack non finisce oggi, perchè è una barca piena di ideali e di sogni, e questi non possono essere imbavagliati, un giorno scrutando l’orizzonte se vedrete di nuovo alzarsi una bandiera rossa, saprete che Jack è tornato a bordo.

Hasta la victoria siempre

Jack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *