Fini vs Berlusconi

In questi giorni ci sarebbe molto da riflettere, ma Jack attrversa un momento intenso, che lo porta lontano dal cassero, e dalla possibilità di offrirvi qualche spunto di riflessione.

Per esempio su quanto accaduto ieri nella direzione nazionale del Pdl, dove abbiamo assistito ad una scena, che se fosse successa nel Pd, avrebbe suscitato l’ilarità del Minzolini di turno e forse pure un editoriale telecomandato.

Fini contro Berlusconi, in maniera netta e (forse) irreversibile, di tutte le cose dette dal Presidente della Camera e dalle risposte del Premier, si potrebbe parlare per ore, ma una mi ha a colpito in maniera particolare.

Quando Fini dice che non si può pensare ad una riforma della giustizia che sembri una amnistia mascherata, e che porti 600.000 processi in prescrizione, Berlusconi invece di rispondere nel merito urla “si, ma su 8 milioni di processi“.

Aldilà dei numeri, quelli di Fini reali, quelli di Berlusconi assolutamente inventati (i processi penali e civili in Italia ammontano massimo a 3 milioni ed è comunque una cifra astronomica), è venuta fuori la posizione chiara del premier riguardo la riforma della giustizia, che saranno mai 600.000 vittime che non avranno mai una risposta dalla legge, rispetto a me che mi devo liberare di due processi?. 

Questa è la riforma della giustizia secondo Berlusconi, speriamo di salvarci da questa visione personalistica della “res publica“, intanto cominciamo a tenere le orecchie e gli occhi bene aperti.

Jack

p.s. io non idea di quanto sia brava Mara Carfagna come “donna politica”, ma alla sua cera, vista ieri sera in primo piano ad Annozero, di sicuro non giova tutto questo lavoro, vorrei per lei che tornasse a fare la showgirl, anche perchè pensare che sia la politica più votata alle ultime elezioni un pò mi deprime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *