Avevi ragione

La verità è che per quanto mi sforzi di fare un’analisi serena, sono diventato sospettoso e astioso, mi sta sulle scatole persino Mentana, con il suo telegiornale e i suoi sondaggi, ieri non mi è piaciuto neanche l’articolo di Travaglio sul Fatto, qualcosa mi sfugge, o forse è tutto fin troppo chiaro, so come andrà a finire, ma non voglio rovinarvi questa (non) sorpresa.

Ho seguito con la mente il solco costituzionale del “governo tecnico”, ma io, e quindi loro, ero perfettamente conscio del rischio implicito che avrebbe comportato, perchè in questo paese tutto si dimentica in fretta, ci hanno rivoltato la mente come un calzino, hanno modificato il nostro modo di intendere le parole politica, giustizia, mafia, evasione fiscale………..

Così oggi Casini si definisce “riformista”, così grazie al “suo” Presidente della Repubblica, il Pd si è impiccato da solo, Fini è sparito, Grillo è il salvatore della patria, Ingroia vorrebbe addirittura fare il Ministro della Giustizia.

L’unico che si fa i “cazzi” suoi, come sempre, spara cavolate come se piovesse, è il Caimano, lui si che ci sa fare!!!!!!!!

Ma ha sempre avuto ragione Jworld, “non è lui il problema”, infatti il problema siamo noi, sono quelli in fila al supermercato che hanno il carrello pieno e dietro uno con un solo pacco e non lo fanno passare, quelli che “conosciamo qualcuno lì?”, quelli che “abbiamo una banca?”, quelli che con “la mafia bisogna convivere”, quelli che “ma ce l’hai il calcio? altrimenti lascia stare”.

Tornando al Caimano, “chapeau”, è sempre il numero uno, “corsia di sorpasso”, “restituerò l’imu in contanti”, paga sempre, paga tutto, adesso si compra i voti con i soldi nostri, è l’unico che non ha interessi politici, solo interessi, i suoi.

Grande questo paese, dove tutto si intreccia, sembra scomparire e poi riappare, dove sopra di noi girano sempre quei quattro o cinque  nomi, dove siamo assetati di potere e di “relazioni”, sarà per questo che ho scelto di governare una nave, perchè mi piacciono solo i capitani, perchè vi faccio salire tutti, ma anche scendere.

Dove mi sono rotto le scatole di starvi a sentire, tutti, ma tutti tutti.

Jack

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *