La moneta

Si alza questo maledetto vento a folate, fermo sul cassero, prendo in faccia raffiche fredde, dagli occhi scendono lacrime lucenti, ho sempre forzato la mano, ho sempre forzato il cammino di questa nave, anche quando nessuno voleva assumersi la responsabilità del comando, delle scelte.

Io ho scelto, con tutto l’amore e la rabbia di cui sono capace, ti ho spezzato il respiro perchè non c’era nessun’altro che potesse farlo, sono poco diplomatico come tutti i pirati, mi puoi accusare di tradimento e cercare di passarmi per le armi, ma non di slealtà, come pirata non posso accettarlo.

Non posso accetare di essere giudicato da chi non mi conosce e allora ecco il mio addio, come capitano di questa nave sarei un pazzo continuando a portarla al limite di quello che voglio, solo per il gusto di inseguirti, sono capace solo di inseguire il vento.

Non ci sono colombe a volare in questo cielo, mi sono tenuto in disparte per tutto questo tempo, lasciando fare ai pontieri, a quelli “che prima o poi le passa”, ma di questa nave ho anche la responsabilità, e quindi scelgo di cambiare rotta, porto le nostre vele in un porto più sicuro.

Lascio una moneta a terra e questa per il pirata Jack è una sconfitta che brucia.

Jack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *